Allarme scuola: casca Caserta e tutti giù per terra.

Tempo di lettura 2 min e 28 sec

Amatrice, notte del 24 Agosto 2016, una scossa di magnitudo momento 6.0 riduce in macerie la scuola intitolata a Romolo Capranica e scoppia il caso.

Caserta, 1 Settembre, il presidente della Provincia di Caserta, Angelo di Costanzo, dichiara:

Ci tranquillizza però il fatto che nessuno degli istituti del territorio presenta condizioni di grave rischio sismico. Ciò significa, stando a quanto riferito dai nostri tecnici, che – in caso di un terremoto di potenza pari a quello avvenuto nei comuni di Amatrice, Accumoli e Arquata – i nostri edifici potrebbero riportare lesioni ai tramezzi e distacco di intonaci ma dovrebbero essere in grado di contenere l’onda d’urto. In ogni caso nelle prossime settimane, e necessariamente prima della ripresa delle lezioni, tutti i fabbricati saranno sottoposti a controlli e verifiche

Intanto, il 13 Settembre, scattano 20 arresti per appalti truccati per lo smaltimento di rifiuti. Tra questi, lo stesso Angelo di Costanzo, di Forza Italia. Si parla di assegnazione illecita di appalti milionari nel settore dei rifiuti in diversi Comuni del Casertano, secondo l’inchiesta curata dalla procura di Santa Maria Capua Vetere.

Venerdì 24 Settembre, la Provincia di Caserta dispone la chiusura dell’istituto Terra di Lavoro di Via Ceccano, diretto dalla dirigente scolastica Emilia Nocerino, a seguito di un sopralluogo dell’ASL di Caserta, per gravi anomalie riscontrate all’impianto elettrico di alcune aule dell’edificio.

A 10 giorni dal sigillo, gli studenti privati della possibilità di svolgere regolarmente le lezioni, hanno manifestato con un corteo partecipato dalla stessa dirigente scolastica, diretto alla Provincia di Caserta.

Caserta, ha avuto numerose occasioni per intervenire con la messa in sicurezza e l’efficientamento degli edifici scolastici.

Già 2 anni fa, fu nostra premura segnalare alla passata amministrazione della possibilità di poter usufruire dell’emendamento Cariello (leggi di più…) e quindi, previa richiesta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, di essere inseriti tra i destinatari dell’8 per mille per interventi di edilizia scolastica.

Nel Luglio dell’anno scorso, allo stesso modo, invitammo il Commissario Nicolò ad aderire al bando per la Sostenibilità e l’Efficienza Energetica 2015 pubblicato dall’Autorità di Gestione del POI Energia (leggi di più…), un fondo perduto per il rinnovamento e l’efficientamento energetico degli edifici pubblici, scuole comprese.

In entrambe le occasioni non abbiamo ricevuto alcuna replica ed è un fatto ad oggi ignoto o quantomeno non documentato, se sia stata colta o meno almeno una di queste occasioni.

Nel frattempo le verifiche dell’ASL proseguono e vige una forte aria di tensione nella cittadinanza tutta, dal momento che non è escluso che la situazione non si ripresenti ancora per altre scuole.

Fatto sta, che è alquanto curioso che, nonostante la possibilità di poter compierle con largo anticipo evitando il forte disagio, le verifiche siano state effettuate solo successivamente l’arresto del Presidente della Provincia di Caserta.

Vien da chiedersi: tutti i fabbricati saranno sottoposti a controlli e verifiche per mettersi al sicuro da future indagini?

Dall’ex Sindaco Del Gaudio al Commissario Straordinario Nicolò nessuna risposta.

E il sindaco Marino farà qualcosa?

#LaBuonaScuola è una #ScuolaSicuraSempre!
11 ottobre 2016