Applichiamo l’emendamento Fraccaro.

Tempo di lettura 3 min e 45 sec

Con l’emendamento Fraccaro, in materia di disdetta di affitti onerosi a carico delle PA, gli attivisti casertano hanno deciso di avanzare una nuova istanza di accesso civico per ottenere ogni informazione sui possedimenti immobiliari del Comune.

L’art. 30 del d.lgs. 33/2013 recita:

<em>        Obblighi di pubblicazione concernenti i beni immobili 
                    e la gestione del patrimonio. 

  1.  Le  pubbliche  amministrazioni   pubblicano   le   informazioni
identificative  degli  immobili  posseduti,  nonche'  i   canoni   di
locazione o di affitto versati o percepiti.</em>

Prima della richiesta, sul sito istituzionale del Comune – precisamente nella sezione “Canoni di Locazione o Affitto” – erano presenti i soli fitti attivi e non anche quelli passivi dell’anno 2013.

Pertanto, gli attivisti si sono mossi in una duplice direzione. Da un lato, hanno provveduto ad inviare una lettera indirizzata al Comune per sollecitare l’applicazione dell’emendamento succitato. Ecco qui la richiesta:

Oggetto: Disdetta Affitti onerosi per la Pubblica Amministrazione

Il Meetup Caserta 5 Stelle, in un’ottica di piena consapevolezza della necessità di un immediato ridimensionamento della spesa pubblica, tenuto conto delle attuali condizioni di incessante crisi economica e sociale dell’intero Paese, sulla base della legge 13 dicembre 2013, n. 137 (“Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 15 ottobre 2013, n.120), intende avanzare nei confronti dell’Amministrazione Comunale il suggerimento, dove sussistano le condizioni oggettive, di applicare la suddetta legge.

La normativa in questione si avvale di un duplice ambito applicativo consentendo alle P.A. non solo di disdire gli affitti fin troppo onerosi per le casse dell’Ente, ma anche di rinegoziare i canoni di locazione, in virtù del potere contrattuale derivante dal diritto di recesso.

Il provvedimento consente di recedere dalle locazioni di immobili entro il 31 dicembre 2014, con un preavviso stabilito in trenta giorni anche in deroga ad eventuali clausole difformi previste dal contratto. Il Dl Irpef del Governo (“Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66”) modifica i termini, prevedendo che il preavviso possa essere comunicato entro il 31 luglio 2014 e che il recesso è perfezionato decorsi centottanta giorni dal preavviso.

Per tale ragione si invitano il Sindaco e l’Amministrazione ad operare una severa analisi delle locazioni passive in corso, al fine di sfruttare al meglio il suddetto provvedimento sugli “Affitti d’oro” per promuovere un indispensabile abbattimento dei costi.

Si richiede, altresì, che vengano fornite le informazioni relative alla rendicontazione dei fitti passivi ed agli eventuali risparmi ottenuti tramite l’applicazione della norma in esame.

Da ultimo, gli scriventi si mostrano disponibili a collaborare fattivamente per la verifica de qua, volendo contribuire ad una più puntuale fruibilità di informazioni in favore di uno più stretto contatto tra Amministrazione e Cittadino.

Si abbiano cordialità.

Dall’altro, si è proceduto all’utilizzo dell’utile strumento dell’accesso civico per vigilare concretamente sui fitti passivi in capo al nostro Comune.

L’inoltro della relativa istanza ha avuto riscontro positivo, avendo adempiuto chi di dovere agli obblighi di pubblicazione derivanti dal d.lgs. del 2013.

Il problema in cui ci siamo imbattuti ha riguardato la mancanza di indirizzo, numero civico o metratura precisa.

Per questo, noi attivisti abbiamo deciso di sollecitare l’amministrazione a rendere più agevole la consultazione:

  • Oggetto: Nota di risposta alla sua pregiata del 25.07.14, protocollo n.55132*

Con riferimento all’oggetto, gli scriventi, ormai divenuti
conoscenti grazie all’invio della risposta cumulativa da parte
Sua dei dati richiesti per il tramite del sito istituzionale
del Comune di Caserta, segnalano la pubblicazione solo
approssimativa dei dati richiesti con istanza di accesso civico
datata 23/07/2014.

Nonostante la celerità nella risposta, non sarà sfuggito alla
S.V. che i dati pubblicati sulla sezione del sito del Comune di
Caserta non riportano tutti gli elementi necessari alla
identificazione e individuazione degli immobili.

In particolare, nonostante la presenza di alcune diciture –
immobile e/o terreno, ubicazione, uso, proprietario, durata,
canone affitto, capitolo e note – non si riportano nel
dettaglio, per gli immobili presenti nella lista, gli
indirizzi, numeri civici, metratura e le indicazioni necessarie
ai fini identificativi.

Voglia, pertanto, rielaborare e/o sollecitare l’adeguamento
dell’elenco pubblicato sul sito istituzionale onde garantire la
più puntuale osservanza del d.lgs 33/2013, incrementando così il
miglior flusso di informazioni in favore della cittadinanza.

Da ultimo, si rappresenta la disponibilità degli scriventi a
collaborare fattivamente per l’adeguamento e la verifica de
qua.

A tale richiesta è stata data celere risposta.

Difatti, oggi sono consultabili sul sito istituzionale tutti i canoni di locazione attivi e passivi, nonchè tutti gli affitti e immobili posseduti.

Ogni cittadino che ne abbia interesse o chiunque sia solo curioso, potrà verificare e controllare tutto l’elenco e vigilare sulle attività della nostra amministrazione comunale.

 

11 ottobre 2014